18 lug 2017

Dopo Milano, il “bosco verticale” approderà in Europa: ecco come funziona


Il cosiddetto “Bosco Verticale” di Stefano Boeri sta diventando oramai un’icona dell’architettura moderna tanto da essere richiesto anche in altre parti del mondo.

Ricordiamo che il più famoso bosco verticale è il complesso di due palazzi progettati e realizzati nel centro direzionale di Milano. La caratteristica unica di queste costruzioni è la presenza di svariate essenze arboree distribuite sui prospetti, in un progetto più ampio di riforestazione dei centri urbani. L’obiettivo è ricreare  dunque dei microclimi urbani in verticale e favorire la biodiversità animale e vegetale.

Su questa scia, altre città del mondo hanno guardato con favore a questa nuova concezione di architettura. In tal senso l’architetto italiano si è aggiudicata la progettazione della Torre dei Biancospini, che sorgerà a Utrecht, in Olanda.

boscoVerticale.02

Circa 10.000 piante (360 alberi, 9.640 tra arbusti e fiori) contribuiranno ad assorbire più di 5 tonnellate di CO2 nell’area di Jaarbeursboulevard.

Il progetto prevede, così come a Milano, la realizzazione di due torri. L’inizio dei lavori è previsto per il 2019 per una durata del cantiere pari a 3 anni.

 

Vi proponiamo di seguito uno schema sui benefici apportati dalla struttura architettonica:

Stefano_Boeri_Architetti_-_Bosco_Verticale_-_Drawings_05


architetturabiodiversitàbosco verticalemilanostefano boeritorre dei biancospiniutrecht


Lascia un Commento