02 mag 2017

La stazione “Foster” di Firenze sarà il primo hub italiano di mobilità integrata


Durante la riunione che si è tenuta a Roma tra Regione Toscana, Comune di Firenze e Gruppo FS Italiane, è stato discusso il nuovo progetto della stazione di Firenze FosterInizialmente pensata solo per l’alta velocità, diventerà invece un hub integrato per treni, autobus (di linea e turistici), per la linea tranviaria e auto private.

2017_04_28_Stazione_foster_Rendering2

Complessivamente ci saranno 34 gli stalli a rotazione, cui si aggiungeranno 130 posti per la lunga sosta, direttamente collegati con la Foster. L’autostazione, che avrà una viabilità dedicata per l’accesso e l’uscita, servirà il trasporto regionale, extraurbano, urbano e turistico.

La stazione Foster sarà il primo esempio in Italia di stazione della mobilità integrata e sorgerà nell’area a nord ovest del capoluogo toscano al posto dell’ex sede della scuola media Ottone Rosai, degli ex macelli comunali, della scuola elementare Gianni Rodari, di palazzine residenziali e del deposito treni che si trova sulla destra rispetto all’incrocio tra il viale Belfiore e il viale Redi (a circa un chilometro di distanza, in linea d’aria, dalla stazione di Santa Maria Novella).

2017_04_28_Stazione_foster_Rendering3


firenzehubmobilita.orgstazione foster

Un commento per “La stazione “Foster” di Firenze sarà il primo hub italiano di mobilità integrata

Lascia un Commento