13 apr 2017

Cinque grandi architetti per i sette grandi scali ferroviari di Milano


Per il momento ci sono solo dei rendering, ma la riqualificazione degli scali ferroviari dismessi di Milano è stata finalmente definita; e non si parla di “semplici” riqualificazioni, ma di vision innovative e all’avanguardia ideate da cinque tra gli studi di architettura più famosi al mondo.

Ma facciamo un passo indietro.

Si tratta di sette grandi spazi, alcuni anche a ridosso del centro, che un tempo venivano utilizzati per gestire il traffico merci su rotaia e che oggi sono abbandonati, usati solo sporadicamente per far transitare treni passeggeri; il Comune di Milano sta cercando da tempo un accordo con Ferrovie dello Stato, accordo che finalmente è arrivato ad un punto di svolta.

milano

I grandi nomi che sono stati coinvolti in questo progetto sono quelli di Benedetta Tagliabue (Embt), Francine Houben (Meccanoo), Stefano Boeri (Sba), Ma Yansong (Mad Architects) e Cino Zucchi (Cza).

I cinque studi hanno presentato ognuno un progetto guidato dalla propria filosofia, ma tutti volti a ripensare questi scali come catalizzatori di una vita sostenibile, come punti di incontro di più sistemi di trasporto (treno, metropolitana, tram, autobus, car sharing e biciclette) ma anche come nuclei di una circle-line i quali, uniti alla realizzazione di aree “car-free” e all’aggiunta di parchipasserelle verdiacqua, possano diventare centri in cui stare, lavorare e vivere.

Da qui Un fiume verde per Milano di Stefano Boeri, che punta a realizzare  sugli scali un sistema continuo di boschi, oasi, frutteti e giardini pubblici legati da una nuova linea della metropolitana (la M6); La Città delle connessioni – Memoria e Futuro di Ma Yansong, che si gioca sulla mobilità sostenibile e sul collegamento delle reti di mobilità rimaste fino ad ora sconnesse; Miracoli a Milano di Benedetta Tagliabue, dove l’elemento di connessione sarà l’acqua; Sette bellissimi Broli (i broli sono dei prati alberati) di Cino Zucchi, con spazi e percorsi verdi che arricchiscono il territorio agricolo ancora esistente; il progetto di Francine Houben, che mira a trasformare questi spazi in luoghi dove non si ha bisogno dell’auto e soprattutto dove l’auto non può circolare.

Le idee sono molte e valide, tutte capaci di trasformare radicalmente il volto di Milano, di renderla una città moderna e soprattutto unica; ma nell’attesa di sapere quale sarà realizzata, potete intanto sfogliare la gallery con alcune delle foto dei progetti!

Foto: Il Post

 


architettiferrovie dello statomilanoprogettiriqualificazionescali ferroviari

Un commento per “Cinque grandi architetti per i sette grandi scali ferroviari di Milano
  • cirasadesigner 916
    14 apr 2017 alle 12:03

    Ecco cosa si intende per pianificazione partecipata… ma se non si creano le condizioni necessarie, ovvero quelle di mercato che rendano appetibili questi progetti e sopratutto sostenibili da un punto di vista economico, rimane tutto carta morta.
    Questo tipo di progettazione dovrebbe essere pensata per l’area Notarbartolo a Palermo….


Lascia un Commento