09 nov 2015

AGRIGENTO| SS 640: report fotografico dei lavori nei due maxi lotti


Procedono i lavori per il completamento della SS 640; la statale, che collegherà Agrigento con la A19, è pronta nel 90% del suo percorso in provincia di Agrigento, mentre nel tratto nisseno, che va da contrada Grottarossa fino al raccordo con lo svincolo di Caltanissetta della Palermo – Catania, si procede con la costruzione delle principali opere tra viadotti e gallerie.

20150918_133440

Nella foto sopra, siamo proprio all’ingresso del futuro nuovo percorso della SS 640 partendo dall’autostrada A19; di recente, tramite alcune fonti locali, si è saputo che la bretella posta tra questa zona e la città di Caltanissetta sarà pronta il prossimo 4 dicembre, chiudendo quindi la deviazione che, sfruttando la statale per Pietraperzia, conduce sulla SS 626 (Caltanissetta – Gela) e da lì quindi poi allo svincolo autostradale.

Percorrendo verso Agrigento la SS 640, si incontra la base del cantiere della galleria ‘Caltanissetta’, la più importante infrastruttura compresa nel lotto nisseno dei lavori della statale; pochi giorni fa, si è avuto l’abbattimento del diaframma della prima canna della galleria, scavata con la moderna talpa TBM denominata ‘Barbara’, tra le più importanti in Europa e capace di realizzare ben due record nazionali di scavo in un solo giorno di galleria.

A questo punto la statale diventa, o meglio diventerà, un unico grande rettilineo fino al suo innesto con il tratto agrigentino; si ‘dribbla’ la zona industriale di San Cataldo, passando a sinistra rispetto all’attuale incrocio per il paese nisseno posto sul tracciato vecchio della statale grazie al costruendo viadotto Fosso Mumia ed incontrando quindi la galleria Papazzo, le cui due canne sono state già ultimate con i rispettivi diaframmi abbattuti tra i mesi di febbraio ed agosto e sul quale adesso si lavora per ultimare le infrastrutture stradali.

L'innesto della galleria Papazzo visto dall'attuale tracciato della SS 640

L’innesto della galleria Papazzo visto dall’attuale tracciato della SS 640

La galleria Papazzo troverà il suo sbocco quindi, procedendo sempre verso Agrigento, sull’attuale rettilineo posto nel comune di Serradifalco della SS 640, con il quale verrà collegata tramite il viadotto Favarella, i cui lavori sono nella loro fase iniziale; in questo piccolo tratto si sta procedendo al raddoppio del tracciato ed alla costruzione del nuovo svincolo per Serradifalco. Il raddoppio di questo rettilineo, sembra procedere celermente con i rilevati già realizzati e tra non molto si potrebbe già procedere alla posa dell’asfalto, così come dimostra la foto seguente.

Rettilineo a Serradifalco, i lavori sembrano procedere celermente

Rettilineo a Serradifalco, i lavori sembrano procedere celermente

Dopo questo rettilineo, l’attuale tracciato della SS 640 ad unica carreggiata curva a sinistra in località Grotta D’acqua, seguendo l’altimetria della zona; la nuova statale invece, continuerà ad andare dritta grazie al viadotto Giulfo.

Viadotto Giulfo in fase di costruzione

Viadotto Giulfo in fase di costruzione

Il rettilineo che segue il viadotto Giulfo, sarà quello che immetterà poi verso Grottarossa e quindi nel tratto agrigentino della SS 640; qui i lavori sono già ultimati, con le linee della segnaletica orizzontale bianche che indicano come l’area non è più soggetta a cantiere.

La doppia carreggiata qui è realtà; anche l’asfalto sembra in condizioni migliori rispetto a quello provvisorio che vi era fino ai mesi scorsi; poco più avanti, le linee ridiventano gialle e segnano l’ingresso in una nuova area in cui devono essere ultimati gli ultimi dettagli, pur tuttavia il tratto prosegue a doppia carreggiata in maniera lineare e senza deviazioni fino ad oltre il viadotto Serracazzola ed all’altezza del centro commerciale Le Vigne.

Subito dopo, vi è la penultima ‘strozzatura’ del tratto a doppia carreggiata rimasto sul lotto agrigentino; si entra infatti in contrada Noce, territorio di Racalmuto: sulla sinistra, nella carreggiata verso Caltanissetta, insiste ancora un distributore di benzina Esso che attualmente occupa la strada e che impedisce l’apertura di un tratto di poco più di 200 metri che risultato completato. C’è da dire comunque che, pare, a livello burocratico le pratiche si siano sbloccate ed il distributore appare sigillato e forse già pronto ad essere smontato, consentendo l’apertura della nuova carreggiata e l’eliminazione della corsia unica su questo rettilineo.

Poco più avanti, procedono i lavori sul secondo tratto di rettilineo di contrada Noce; le opere qui sono procedute a rilento per via del ritrovamento di reperti archeologici ma adesso si lavora per consegnare entro pochi mesi le due nuove corsie. Non sembrano esserci, in tal senso, particolari difficoltà essendo il tratto di contrada Noce interamente in rettilineo e senza viadotti od altre opere più complesse da realizzare.

Il rettilineo di contrada Noce interessato dai lavori

Il rettilineo di contrada Noce interessato dai lavori

Da qui in avanti, si riprende con il tratto a doppia carreggiata già ultimato; la SS 640 risulta quindi interamente completa fino al tratto conclusivo in territorio di Agrigento. Precisamente, tra le contrade Gasena e Petrusa si lavora da inizio anno per cercare di aprire entro marzo gli ultimi chilometri di tratto agrigentino ancora non ultimato.

Il viadotto di contrada Petrusa ed i lavori sulla futura corsia per Caltanissetta

Il viadotto di contrada Petrusa ed i lavori sulla futura corsia per Caltanissetta

Nella zona immortalata nella foto di sopra, il traffico è ancora regolato dall’ultimo semaforo posto lungo il tracciato della SS 640; si nota sulla destra, la bretella dello svincolo Petrusa che collegherà, una volta terminata, la SS 122 con la corsia per Caltanissetta. Il piccolo viadotto di sopra, introduce (scendendo sempre verso Agrigento) nell’ultimo tratto di rettilineo prima della rotonda all’altezza del distributore Erg che segnerà la fine della SS 640.

Nel mese di settembre, è entrata in funzione proprio tale rotonda, aprendo contestualmente la corsia verso Caltanissetta e chiudendo il vecchio tracciato che scorre parallelo, il quale è interessato adesso dai lavori che lo trasformeranno nella futura corsia in direzione Valle dei Templi/Zona balneare di Agrigento.

La corsia direzione Caltanissetta aperta a settembre all'altezza della rotonda Erg

La corsia direzione Caltanissetta aperta a settembre all’altezza della rotonda del distributore Erg

Cronometro alla mano, il sottoscritto senza oltrepassare i limiti di velocità, ha impiegato da Canicattì ad Agrigento appena 23 minuti e nonostante due deviazioni; segno questo che, a lavori ultimati, queste due zone della provincia saranno molto più vicine ma soprattutto l’intera provincia agrigentina sarà finalmente degnamente collegata con il nodo autostradale e ciò vorrà dire abbattere i tempi di percorrenza per Catania e l’aeroporto Fontanarossa.


a19agrigentocaltanissettaSS 640


Lascia un Commento